Marvel: difficile il crossover cinema/Netflix con riserve?

Cinema
Marco Pasqualini
Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

L’ universo Marvel si sta espandendo sia al cinema sia grazie alle serie televisive. Soprattutto quest’ultime hanno dato la possibilità ad alcuni supereroi e villain non mainstream,  di avere il loro piccolo grande spazio. Le difficoltà palesate dai vertici della casa delle idee di poter creare un crossover tra i due, potrebbe non essere necessariamente un problema. DC in primis  ha chiaramente diviso i due mondi, conscia del diverso appeal riservato ai personaggi proposti in televisione, mentre Marvel potrebbe decidere di continuare a sperimentare i diversi toni delle sue serie Netflix e, da una parte proporre quei personaggi azzardo per il cinema, dall’altra, provare ad inserire una versione parallela dei propri pezzi da novanta e testarne le reazioni del pubblico.

Da anni si vocifera il  passaggio di testimone di personaggi chiave tra cui  Iron Man Capitan America e, considerando la dichiarazione relativa ai famigerati 67 personaggi che dovrebbero essere presenti in Avengers: Infinity War, viene spontaneo chiedersi se i supereroi provenienti dalle serie televisive verranno conglobati solo in occasione del loro cinecomic più ambizioso. D’altro canto non sarebbe da scartare l’idea che i più iconici eroi Marvel fino ad oggi presentati e annunciati  possano contare su controparti doppie provenienti da universi paralleli e riunite nello fronteggiare la minaccia Thanos  oppure, più semplicemente, esiste una reale possibilità di “fare numero” inserendo i numerosi X-Men del grande schermo.

L’esotica possibilità che qualche supereroe Netflix possa fare il grande salto non dovrebbe scontentare nemmeno i fan più pignoli ed esigenti, nella fattispecie l’accoglienza positiva riservata al Punitore di  Jon Bernthal, già al suo annuncio, portano a chiedersi se ad un’attore talmente affermato non possa essere stata proposto un potenziale passaggio al cinema e un posticino nel Marvel Universe di serie A.

Altri articoli in Cinema

John Lasseter lascia la Pixar per sei mesi a causa di “comportamenti inadeguati”

Matteo Ivaldi22 novembre 2017

Box Office e Cinecomics: analisi e confronti di un 2017 da ricordare

Andrea Prosperi22 novembre 2017

Justice League: poster inquietante nei cinema cinesi

Annamaria Rizzo21 novembre 2017

Star Wars: Gli ultimi Jedi – Nuovi dettagli sulle “volpi di cristallo”

Giorgio Paolo Campi21 novembre 2017
Molestie a Hollywood, Kevin Spacey

Molestie a Hollywood: Kevin Spacey è entrato in rehab ma altri big sono sotto accusa

Nicoletta Salvi21 novembre 2017

Marvel vs. DC: parla il co-sceneggiatore di Doctor Strange

Alessio Lonigro21 novembre 2017