Marvel – Axel Alonso parla di Generations e dei legami con Legacy

Fumetti
Gerardo Americo
Amante di fumetti, videogiochi, cinema e serie tv. Cresce con il Commodore 64 e la Playstation 1. I suoi preferiti sono Spider-Man, Batman e Tex.

Amante di fumetti, videogiochi, cinema e serie tv. Cresce con il Commodore 64 e la Playstation 1. I suoi preferiti sono Spider-Man, Batman e Tex.

Marvel Legacy è l’evento annunciato dalla Marvel in cui la Casa delle Idee rilancerà numerosi personaggi del passato. Vedremo tali personaggi ritornare nella loro veste di eroi, e personaggi del presente continuare sulla loro strada, il tutto mentre si farà ritorno alla vecchia numerazione per gli albi. Generations è la saga che precederà l’evento Marvel Legacy.

A tal proposito, l’Editor-In-Chief MarvelAxel Alonso ha spiegato qualcosa sul progetto Generations nel preparare la strada a Legacy e su eventuali cambiamenti tra gli erori  Marvel.

“L’idea di Generations è nata da una discussione sul personaggio di Kobik, sul Cubo Cosmico e sul finale di Secret Empire. Abbiamo cercato di determinare quali esperienze altri eroi avrebbero potuto avere se fossero stati nel Vanishing Point. Abbiamo realizzato che una scena fondamentale di Secret Empire ci avrebbe consentito di scoprirlo.

Abbiamo deciso di mantenere l’iniziativa limitata a un numero gestibile di dieci personaggi, molti dei quali sono passati o stanno passando un periodo di crisi di identità di qualche genere: ad esempio Spider-Man, Wolverine, Thor, Capitan America, Occhio di Falco, Ms. Marvel.

Il Vanishing Point fornisce un luogo in cui Logan e Laura, Bruce e Amadeus, i due Thor possono in effetti incontrarsi, fare squadra, scoprire qualcosa di nuovo l’uno dell’altro e trovare il modo di andare avanti con un nuovo slancio.

Abbiamo pensato che fosse essenziale che queste storie avessero un peso effettivo nelle trame di ogni serie coinvolta e il modo migliore per ottenere questo effetto era darle in mano agli autori regolari, che stanno facendo dei piani a lungo termine per i personaggi. Ogni storia inizia con un eroe della nuova generazione che viene scagliato verso il Vanishing Point e in quel luogo incontra la propria controparte più esperta, il proprio predecessore, al massimo del proprio potere.”

Le storie di Generations dovrebbero darci una lettura più chiara della situazione dei giovani eroi Marvel, senza trascurare gli eroi classici.

“Generations è una maxiserie perché il mercato è cambiato in maniera entusiasmante per quanto riguarda le serie limitate. Negli ultimi due anni, abbiamo avuto grandi vendite non solo con Star Wars, ma anche con prodotti come Spider-Men IIUnworthy Thor e Clone Conpiracy. Aspettatevi di vedere altre iniziative del genere nell’anno a venire.”

La domanda che molti lettori si fanno è se l’Universo Marvel sia abbastanza grande per contenere Peter e Miles, Laura e Logan, Amadeus e Bruce, il Figlio di Odino e Thor. Generations darà degli indizi fondamentali al riguardo.

Sulla questione del ruolo di Jean Grey, che molti considerano importante ai fini della trama, come possibile connessione  tra Legacy e Generations, Alonso ha evitato la domanda con una battuta, chiedendosi se Rawhide Kid sia un mutante.

Non ci resta che attendere per poter leggere questa nuova svolta nell’universo Marvel.

Altri articoli in Fumetti

Gangster, la Recensione – NO SPOILER

Gerardo Americo19 ottobre 2017

Negan è Qui, la Recensione – NO SPOILER

Domenico De Martino19 ottobre 2017

Panini Comics e gli aumenti: il punto della situazione

Andrea Prosperi19 ottobre 2017

Marvel annuncia la morte di uno degli Avengers nell’evento “No Surrender”

Ignazio Chinnici18 ottobre 2017

Falcon #1, la Recensione USA – NO SPOILER

Domenico De Martino18 ottobre 2017

Replica: vol 1 – Transfer, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella18 ottobre 2017