News
Alessandro d'Amito
Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.

La Terra di Mezzo: l’Ombra della Guerra, come ben sapete, è il nuovo titolo sviluppato da Monolith Productions e pubblicato da Warner Bros. Interactive Entertainment, seguito dell’apprezzato L’Ombra di Mordor e primo titolo ad utilizzare il Nemesis System.

A generare scandalo ad un mese dal lancio del titolo non è tanto l’inclusione delle microtransazioni, per quanto possano piegare l’esperienza di gioco, ma l’annuncio del primo DLC del giocoForthog Orc-Slayer. Questo DLC, infatti, è dedicato a Michal David Forgey, Executive Producer del gioco, tristemente deceduto di cancro durante lo scorso anno e durante lo sviluppo del titolo.

Forthog Orc-Slayer DLC l'Ombra della Guerra

In suo onore è stato sviluppato il Forthog Orc-Slayer DLC, un contenuto esclusivo a pagamento che includerà il personaggio ispirato a Forgey nel gioco, pronto a salvarvi nel momento del bisogno. Come potete vedere nel trailer, in cima a questa notizia, il DLC sarà a pagamento e gli incassi saranno donati alla famiglia del compianto Producer… almeno, quasi tutti.

Nascosti in fondo al video e scritto chiaramente nella descrizione del video, sui 5$ di DLC ne saranno donati 3,50$, ammesso che gli acquisti siano effettuati negli USA tranne che in Alabama, Hawai, Illinois, Massachusetts, Mississippi e South Carolina fino a dicembre 2019. E al di fuori degli USA? Questa informazione non è riportata nel trailer o negli annunci, ma è stato confermato da WB che di tutti gli acquisti esteri non sarà donato nulla in beneficenza.

Forthog Orc-Slayer DLC l'Ombra della Guerra

Non è difficile capire quanto questa questione sia delicata e sbagliata, spingendo sulla morte di una persona cara per poter guadagnare qualcosa in più, inoltre mascherando il più possibile le informazioni ai giocatori. Se siete tra quelli a cui queste questioni non interessano, procedete pure con l’acquisto del gioco. Per tutti gli altri, la cosa migliore da fare è cercare di far cambiare idea a Warner Bros. Interactive Entertainment, raggiungendola tramite i suoi profili pubblici e chiedendo che i ricavati del DLC vengano devoluti in beneficenza indipendentemente dal paese in cui è stato acquistato.

Fonte: Warner Bros. Interactive Entertainment

Altri articoli in News

Acquisti da Nerd: le scatole a sorpresa Funko a tema retrogame

Marco Pasqualini19 febbraio 2018

XBox One X e S: presto il Supporto 1440p

Andrea Prosperi19 febbraio 2018

Titan Comics pubblicherà un nuovo fumetto su Dark Souls

Francesco Damiani17 febbraio 2018

Ubisoft lancia un sondaggio per il prossimo capitolo di Assassin’s Creed

Francesco Damiani17 febbraio 2018

Sea of Thieves, trapelate alcune immagini del mostruoso Kraken

Chiara Parisi16 febbraio 2018

[RUMOR]Metroid Prime 4 potrebbe includere un comparto online ?

Francesco Damiani15 febbraio 2018