News
Alessandro d'Amito
Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.

La Terra di Mezzo: l’Ombra della Guerra, come ben sapete, è il nuovo titolo sviluppato da Monolith Productions e pubblicato da Warner Bros. Interactive Entertainment, seguito dell’apprezzato L’Ombra di Mordor e primo titolo ad utilizzare il Nemesis System.

A generare scandalo ad un mese dal lancio del titolo non è tanto l’inclusione delle microtransazioni, per quanto possano piegare l’esperienza di gioco, ma l’annuncio del primo DLC del giocoForthog Orc-Slayer. Questo DLC, infatti, è dedicato a Michal David Forgey, Executive Producer del gioco, tristemente deceduto di cancro durante lo scorso anno e durante lo sviluppo del titolo.

Forthog Orc-Slayer DLC l'Ombra della Guerra

In suo onore è stato sviluppato il Forthog Orc-Slayer DLC, un contenuto esclusivo a pagamento che includerà il personaggio ispirato a Forgey nel gioco, pronto a salvarvi nel momento del bisogno. Come potete vedere nel trailer, in cima a questa notizia, il DLC sarà a pagamento e gli incassi saranno donati alla famiglia del compianto Producer… almeno, quasi tutti.

Nascosti in fondo al video e scritto chiaramente nella descrizione del video, sui 5$ di DLC ne saranno donati 3,50$, ammesso che gli acquisti siano effettuati negli USA tranne che in Alabama, Hawai, Illinois, Massachusetts, Mississippi e South Carolina fino a dicembre 2019. E al di fuori degli USA? Questa informazione non è riportata nel trailer o negli annunci, ma è stato confermato da WB che di tutti gli acquisti esteri non sarà donato nulla in beneficenza.

Forthog Orc-Slayer DLC l'Ombra della Guerra

Non è difficile capire quanto questa questione sia delicata e sbagliata, spingendo sulla morte di una persona cara per poter guadagnare qualcosa in più, inoltre mascherando il più possibile le informazioni ai giocatori. Se siete tra quelli a cui queste questioni non interessano, procedete pure con l’acquisto del gioco. Per tutti gli altri, la cosa migliore da fare è cercare di far cambiare idea a Warner Bros. Interactive Entertainment, raggiungendola tramite i suoi profili pubblici e chiedendo che i ricavati del DLC vengano devoluti in beneficenza indipendentemente dal paese in cui è stato acquistato.

Fonte: Warner Bros. Interactive Entertainment

Altri articoli in News

Medievil: il grande ritorno su PlayStation 4

Chiara Parisi10 dicembre 2017

Bayonetta 3, presentato ai Game Awards il teaser e altre novità

Chiara Parisi8 dicembre 2017

Monster Hunter World, tutti i dettagli sulla Beta su Ps4

Chiara Parisi8 dicembre 2017

The Game Awards, annunciati i nuovi presentatori

Chiara Parisi7 dicembre 2017

Assassin’s Creed IV: Black Flag e World in Conflict in regalo con Uplay

Chiara Parisi6 dicembre 2017

Il remake 3D di Secret of Mana avrà una distribuzione fisica molto limitata

Matteo Ivaldi5 dicembre 2017