#like4like di Marco Rincione e Prenzy, la recensione – NO SPOILER

Fumetti
Claudia Padalino
Dal 1988, appassionata di fumetto d'autore, non d'autore, graffiti e disegnini fatti mentre si telefona. Laureata in Editoria e comunicazione aziendale, collabora con alcuni festival pugliesi per la promozione e la diffusione del fumetto italiano. Il suo sogno: riuscire a portare come ospite in Italia Alan Moore.

Dal 1988, appassionata di fumetto d'autore, non d'autore, graffiti e disegnini fatti mentre si telefona. Laureata in Editoria e comunicazione aziendale, collabora con alcuni festival pugliesi per la promozione e la diffusione del fumetto italiano. Il suo sogno: riuscire a portare come ospite in Italia Alan Moore.

“… un like per trovarli, un like per ghermirli e nel web incatenarli”. Se Tolkien avesse solo avuto qualche anno in più di vita, avrebbe sicuramente scritto un simile racconto fantascientifico, ai confini con la nostra attuale realtà. Al suo posto, ora, troviamo uno sceneggiatore carismatico e crudo come Marco Rincione (autore dell’acclamata trilogia di Paperi), che è stato capace di prendere uno spaccato di vita virtuale attuale e gettarlo in pasto al genere distopico. #like4like è, in fondo, anche questo.

Che il risultato sia qualcosa di già visto, già assaporato sulla piattaforma Netflix? Assolutamente no. Il millantato richiamo alla serie televisiva Black Mirror, a cui i fan hanno collegato #like4like nei mesi precedenti, in seguito alla diffusione della prima sinossi, è stato completamente disatteso.

Qui si va oltre: si toccano vette di follia e paura, in un mondo in cui il like è l’unica moneta di scambio accettabile. Un mondo dov’è vietato barare e dove non si concedono sconti o proroghe. Un mondo disegnato da Francesco Prenzy Chiappara (Noumeno, 666 – Il male dentro) con tratti e tecniche differenti tra le varie tavole, a indicare le emozioni dei protagonisti delle singole storie. Si va da un tratto dove il contorno di un personaggio e il suo interno sono completamente separati, come a dimostrare che quel momento che il protagonista sta vivendo è irreale, e vorrebbe essere dappertutto tranne che lì; si arriva a un tratto tenue e con colori “comodi”, a simboleggiare la bellezza di un passato ri-vivibile solo tramite una fredda timeline dei ricordi.

#like4like storia accusa

Il titolo si rifà al tag che viene spesso utilizzato su Instagram, per scambiarsi likes alle foto e aumentare la visibilità del proprio scatto sul social. Ma cosa può succedere quando si usa male il like? E cosa accade se non si è capaci di guadagnarsene abbastanza?

Il volume, edito da Shockdom e inserito nella collana Fumetti Crudi, si divide in tre parti, di cui una in prosa che va a inframezzarsi tra le storie a fumetti. Tutte e tre le storie sono ambientate in un mondo governato dal Grande Like, all’occhio “pollicioso” al quale non sfugge nulla. Si analizzano l’Io buttato nel mondo virtuale, l’Io quando sfiora l’inarrivabile e l’Io che combatte con la materialità. Rincione ha spalancato le porte dell’individualismo e ha messo i suoi personaggi su una sorta di arena virtuale, pronti ad accaparrarsi il primo like nei modi più disparati. Che siano davvero solo personaggi quelli illustrati dal duo? O che in realtà siamo noi?

Accusa, difesa e fanatismo

Scavando nell’animo umano collettivo, Rincione è riuscito a prendere punti in comune ai più e metterli in condizioni di pericolo estremo. Un esempio: la sopravvivenza della propria immagine nell’etere.
Albertone nazionale diceva: “Spiacente, io so’ io e voi non siete ‘n cazzo.” Qui ritroviamo una forma post-contemporanea di chi “non è un cazzo” e necessita di esserlo a tutti i costi per sopravvivere.

«Nel futuro ognuno sarà famoso per 15 minuti», diceva Warhol, «Non ci faccio abbastanza like in 15 minuti!» penseranno i personaggi di Rincione e Prenzy.

#like4like difesa storia

#like4like ha due copertine differenti, a seconda del punto dove verrà venduto. Inizialmente, sarebbe dovuta essere una sola: quella di una ragazza che fa un “servizietto” al Grande Like, al quale è devota. La forte citazione al caso di Tiziana Cantone, però, ha sollevato non poche polemiche e fatto decidere alla redazione di aggiungere un’ulteriore cover, dal sapore socialmente macabro. Qui le dichiarazioni del direttore Lucio Staiano:

“Ci siamo accorti che i riscontri critici [sulla prima copertina, ndr] non vertevano sugli argomenti per cui i due autori hanno creato l’opera, piuttosto andavano su strade non pertinenti. Tra l’altro, questo “misunderstanding” era accentuato in un pubblico più generalista, non abituale lettore di fumetti.”

Entrambe le cover riassumono tendenze ai quali assistiamo quotidianamente sui social.

#like4like è acquistabile in fumetteria, libreria, su Amazon e sullo store Shockdom a partire dal 15 settembre. Troverete i link per acquistarli in fondo alla pagina.

PS: nel primo episodio, #accusa, i due protagonisti sono perfettamente identici a una mia amica d’infanzia e al suo fidanzato. Lo sono sia fisicamente sia socialmente. Da qui mi vengono da pensare due cose:

  • Marco Rincione e io abbiamo due amicizie insospettabili in comune;
  • Marco Rincione ha inquadrato un perfetto archetipo dell’uomo e della donna social meglio di sette stagioni di Ciao Darwin, facendo rientrare in quell’immagine una grossa fetta della popolazione social.

Propendo più per la seconda, affermando che l’animo umano è troppo prevedibile, ma bisogna essere originali nel metterlo per primi su carta.

#like4like, di Marco Rincione e Prenzy

12,00 €
#like4like, di Marco Rincione e Prenzy
81.8

Trama

8/10

    Disegni

    9/10

      Colori

      9/10

        Originalità

        8/10

          Godibilità

          8/10

            Pros

            • Narrazione incalzante
            • Albo scorrevole
            • Tratto emblematico
            • Ambientazione proto-realistica

            Cons

            • Eccessivamente introspettivo
            • Si poteva azzardare di più

            Altri articoli in Fumetti

            Second Sight Vol. 1, la Recensione – No Spoiler

            Angelo Tartarella14 novembre 2017

            Mob Psycho 100 #1: Non Stressate Quel Ragazzo

            Redazione11 novembre 2017

            The Wicked + The Divine Vol. 1-3, la Recensione – No Spoiler

            Angelo Tartarella10 novembre 2017

            DRAGON BALL QUIZ BOOK: SOLO PER VERI SAIYAN!

            Redazione10 novembre 2017

            Landis, Camuncoli e Skybound: arriva GREEN VALLEY

            Redazione10 novembre 2017

            Witch Doctor #1, la Recensione – No Spoiler

            Angelo Tartarella9 novembre 2017