LEGO Ninjago Il Film: Videogame, la Recensione – No Spoiler

Anteprime
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

LEGO Ninjago Il Film: Video Game è il videogame tratto dal film omonimo di recente uscita nelle sale cinematografiche, sviluppato da Traveller’s Tale e distribuito dalla Warner Bros..

Possa lo Spinjitsu essere con te

LEGO Ninjago Il Film: Video Game vede protagonisti sei giovani ninja (Lloyd, Kai, Nya, Jay, Cole e Zane) che hanno il compito di proteggere la città di Ninjago dagli attacchi del malvagio signore della guerra Garmadon.

Ninjago, e così i suoi ninja, sembrano essere fin troppo abituati agli attacchi di Garmadon e alla conseguente battaglia che ha luogo e che porta puntualmente alla sua sconfitta, purtroppo però le cose, stavolta, sembrano destinata ad andare nel peggior modo possibile.

I Ninja si troveranno infatti a confrontarsi con una situazione disastrosa e, per salvare Ninjago dalla minaccia definitiva, dovranno compiere un viaggio che oltre a portarli verso la soluzione li guiderà verso i segreti dello Spinjitsu, quella forza che ogni ninja possiede e che permette di manipolare gli elementi.

Salvando il mondo, mattoncino dopo mattoncino

Nonostante la trama non sia molto innovativa – in fondo si tratta pur sempre di una storia in cui si gioca nei panni del”la/le unica/he persona/e che può/possono salvare la situazione” – il gioco risulta divertente e coinvolgente.

La giocabilità è alta, nonostante si debba riconoscere una certa ripetitività in alcune situazioni, per quanto non troppo incisiva o notevole.

Il problema maggiore sembra essere una sentita facilità nel gameplay che, sì, è allineata con il pegi 7 del gioco ma che va a cozzare con altri elementi di LEGO Ninjago Il Film: Video Game che sembrano più maturi, di cui parleremo più avanti.

Nonostante questi difetti che un videogiocatore più esperto potrebbe notare, va sottolineato anche un gameplay che scorre quasi sempre liscio e che non ha i bug grafici e i glitch che invece, ad esempio, si potevano riscontrare abbondantemente in Lego Worlds e che andavano ad impedire, in alcuni momenti, anche il gioco.

Lego means: collect them all

Gli elementi maturi del gioco a cui si era fatto riferimento prima sono due: uno è a livello di trama e l’altro a livello di gameplay.

Nel primo caso abbiamo un’ironia che traspare dai dialoghi e dalle interazioni tra i vari personaggi, un tipo d’ironia che si riferisce ai limiti del gioco o al fatto che tutto accade nel mondo dei Lego, ma un’ironia che ad ogni modo si rivolge ad un pubblico più adulto e attento a questo genere di cose.

Nel secondo caso si parla dei collezionabili. In questo caso si ha da verificare come i collezionabili siano tanti e molto diversi e, purtroppo, assolutamente non utili alla trama o al livellamento dei personaggi giocanti.

Dei collezionabili che non sembrano quindi adatti ad un gioco Pegi 7 in quanto richiedono un gioco molto attento e anche un’esplorazione molto particolareggiata.

Give me your mo… I mean bricks

Fortunatamente i collezionabili anche se non raccolti durante la modalità storia non vanno ad ostacolare l’esperienza del videogiocatore che procede soprattutto grazie ai mattoncini che si trovano distruggendo gli oggetti dello sfondo o battendo i nemici.

Questi mattoncini sono la chiave per poter arrivare al 2oesimo livello in LEGO Ninjago Il Film: Video Game, ma c’è anche il dettaglio che questi mattoncini fungono da currency nel gioco, rendendo più difficile livellare se si vuole completare le missioni secondarie e raccogliere i collezionabili.

Ninja GO!

Particolarmente importante in LEGO Ninjago Il Film: Video Game è l’esplorazione, ma non soltanto per i collezioanabili, ma anche per trovare e sbloccare quelle missioni secondari che vengono sbloccate nelle aree di gioco dopo averle completate in modalità storia.

Alcune di queste missioni sono dungeon (o dojo, nel linguaggio del gioco) che permettono di affrontare mini-boss, scoprire parti secondarie della storia e livellare.

Altre invece sono sfide da completare entro un tempo libero e che richiedono al giocatore di avere una grande capacità nel muoversi nel mondo di LEGO Ninjago Il Film: Video Game.

Tratto da

L’ostacolo principale all’esperienza di gioco, che risulta comunque divertente e rilassante, è la mancanza di alcune scene importanti nei video del gioco e che paiono essere stati tagliati per evitare di spoilerare il film dei Ninjago a chi volesse guardarlo.

Una scelta che rende a tratti davvero difficile al videogiocatore capire cosa stia succedendo e rovinando l’atmosfera e l’esperiena di gioco.

Fortunatamente LEGO Ninjago Il Film: Video Game alla fine non risente troppo dei suoi difetti ed è un gioco particolarmente consigliato sì ai fan Lego, ma anche a chi voglia provare un’avventura divertente e ad altà giocabilità.

LEGO Ninjago Il Film: Video Game

36.99
LEGO Ninjago Il Film: Video Game
79.2

Storia

7/10

    Grafica

    8/10

      Design

      8/10

        Scorrevolezza e Godibilità

        8/10

          Giocabilità

          9/10

            Pros

            • Gioco divertente e scorrevole
            • Trama semplice ma efficace
            • Grafica e design solidi ben pensati
            • Giocabilità elevata e poco ripetitiva
            • Gioco libero utile e divertente

            Cons

            • Numero troppo elevato di collezionabili non utili alla trama
            • Mancanza di alcune scene importanti nei video
            • Non adatto ai giocatori più adulti

            Altri articoli in Anteprime

            Dauntless – Closed Beta, le prime impressioni

            Federico Peres15 ottobre 2017

            Star Wars Battlefront 2: abbiamo provato in anteprima il titolo alla Milan Games Week

            Antonio Salvatore Bosco3 ottobre 2017

            Far Cry 5: la prova del nuovo e atteso capitolo della serie Ubisoft

            Antonio Salvatore Bosco3 ottobre 2017

            South Park Scontri Di-Retti: la nostra prova alla MGW 2017

            Antonio Salvatore Bosco3 ottobre 2017

            Detroit Become Human: provato il titolo di Quantic Dream alla MilanGamesWeek 2017

            Antonio Salvatore Bosco3 ottobre 2017

            Project Octopath Traveler – Provato il nuovo JRPG di Square Enix

            Riccardo Cantù15 settembre 2017