Jamaica – Recensione

BDQ: Boardgames di Qualità
Stefano Zappa
Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Jamaica è un titolo di Malcolm Braff , Bruno Cathala , Sébastien Pauchon  del 2007.  È disponibile in lingua italiana grazie ad Asterion Press.

Il gioco è ambientato nei primi anni del 1700. Henry Morgan, il famoso pirata, vuole festeggiare il trentesimo anniversario del suo controllo dell’omonima isola e indice una gara tra pirati per determinare il migliore capitano.

  • Giocatori: da 2 a 6
  • Durata: 45-60 minuti
  • Età consigliata: dai 14 anni in su
  • Prezzo: 39,90€

COMPONENTI

I materiali del gioco sono molto curati ed offrono un ottimo colpo d’occhio già a partire dalla grafica della scatola e del suo interno. Il tabellone rappresenta l’isola intorno alla quale gli equipaggi si sfideranno. L’entroterra ha il solo scopo funzionale di piazzare le carte e i dadi necessari al gioco. Nella scatola troviamo infatti anche i dadi e le carte utili a gestire i movimenti delle navi e alcune carte tesoro. Ogni giocatore impersona un famoso capitano pirata con relativa carta e vascello; ognuno ha inoltre un cartoncino spesso che rappresenta la stiva della propria imbarcazione. Completano i componenti alcuni segnalini: polvere da sparo, cibo e dobloni.

IL GIOCO IN BREVE

Il regolamento, come da tradizione Asterion, è disponibile gratuitamente online in due parti.

All’inizio della partita tutti i giocatori posizionano le navi sul tratto di mare di fronte a Port Royal e prendono le 12 carte azione da utilizzare durante il gioco. Poi ognuno pesca 3 carte a caso dal proprio mazzetto. Il primo giocatore tira i dadi e li posiziona sul tabellone negli appositi spazi. Rappresenteranno la quantità di movimenti possibili (o di risorse recuperate) di mattino e di sera. Tutti poi scelgono segretamente una delle 3 carte azione nella propria mano da svolgere nei due momenti della giornata. Le azioni possibili sono:

  • Freccia verde = muovere la nave in senso orario
  • Freccia rossa = muovere la nave in senso antiorario
  • Doblone = si guadagnano monete d’oro
  • Cibo = si ottengono segnalini cibo
  • Cannone = si ottengono segnalini polvere da sparo

Durante il giro attorno all’isola le ciurme possono incappare in caselle sulle quali bisogna pagare un determinato valore di oro o cibo. Se non si hanno le risorse necessarie bisogna retrocedere fino al primo porto sicuro.

Attorno all’isola ci sono inoltre numerosi covi di pirati che danno diritto a pescare le carte tesoro. Queste carte possono contenere tesori in dobloni, maledizioni o migliorie per la propria nave che possono garantire ad esempio maggiore potenza di fuoco negli scontri o spazio extra in stiva.

Quando ci si trova sulla stessa casella di un’altra nave si effettua uno scontro. Si decide se e quanta polvere da sparo utilizzare dalla propria stiva (se disponibile) per aumentare il risultato del dado da combattimento. Dopodiché si tira il dado. Chi ha il risultato più alto vince e può rubare all’altro pirata della merce dalla stiva o un tesoro a caso. Può anche decidere di cedergli una maledizione.

La partita termina quando il primo giocatore completa il giro dell’isola. Vengono quindi contati i punti in base ai dobloni in stiva, ai tesori e alla posizione di arrivo. Vince la ciurma col punteggio più alto.

COMMENTI

Jamaica è un gioco molto semplice che ha come target principale le famiglie o gruppi di amici poco avvezzi al gioco da tavolo. Le regole si spiegano in pochi minuti e la partita scorre velocemente senza tempi morti. Non mancano colpi bassi tra i giocatori grazie ai combattimenti e alla possibilità di rubare i tanto sudati tesori. La scelta di azioni da svolgere al mattino e alla sera richiede un minimo di pianificazione che non guasta mai anche in un gioco di questo tipo.

Una menzione particolare va alla grafica con ottime illustrazioni e la particolarità delle carte azione: se affiancate formano un unico disegno a tema.

Jamaica è quindi un ottimo gioco per chi ama il tema piratesco e le corse, dato che alla fine si tratta comunque di un titolo nel quale è essenziale arrivare alla fine prima degli altri.

Altri articoli in BDQ: Boardgames di Qualità

Dungeons and Dragons: il gioco di ruolo entra nella Toy Hall of Fame

Angelo Tartarella13 novembre 2016

Star Wars: X-Wing – Recensione

Stefano Zappa8 novembre 2016

Jungle Speed – Recensione

Stefano Zappa1 novembre 2016

Cosmic Encounter – Recensione

Stefano Zappa25 ottobre 2016

Il Trono Di Spade – Recensione

Stefano Zappa18 ottobre 2016

Takenoko – Recensione

Stefano Zappa11 ottobre 2016