Horizon: Zero Dawn, la nostra prova alla Games Week 2016

News
Maria Elena Sirio
Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Anche quest’anno la Games Week, fiera videoludica che occupa i tre piani della Fieramilanocity Milanese, non si è smentita e ha presentato una lunga lista di giochi da testare. Nell’elenco spicca sicuramente Horizon: Zero Dawn, titolo firmato Guerrilla Games, la cui uscita è prevista per il prossimo anno in esclusiva per Playstation 4.

All’evento, appena vista la possibilità di provare il titolo, non abbiamo potuto fare a meno di approfittarne. Ci siamo presto ritrovati in una saletta insieme ad altri curiosi, proprio in prima fila di fronte ad un grande televisore, con lo stesso desiderio di ottenere notizie come i bambini di avere dolciumi. La fase di prova, però, si è fatta attendere: prima era prevista la visione del trailer del gioco e di una parte di gameplay giocata da Francisco, tester di Guerrilla, commentata dal community manager del team. Presa visione delle abilità di Francisco, finalmente è arrivato il nostro turno: seduti a pochi metri dallo schermo, immersi nel gioco grazie a cuffie e controller.

La parte di gioco che abbiamo potuto provare è collocata, stando alle parole del manager, dopo circa tre o quattro ore di gioco. Abbiamo immediatamente riconosciuto Aloy, la protagonista che deve scoprire non solo la sua origine, ma anche quella delle macchine che controllano il mondo.

Nella sequenza in questione la bella Aloy, chiamata “estranea” a causa della sua origine sconosciuta, doveva cercare di catturare una “cavalcatura meccanica”. Gli approcci per portare a termine l’obiettivo sono diversi: una tattica più stealth, fatta di silenziosi passi tra l’erba alta, oppure una più aggressiva, ma accompagnata dal rischio di farsi attaccare dalle altre creature nei paraggi. Essendoci più creature abbiamo potuto sperimentare entrambe e notare che i comandi, all’inizio, non sono intuitivi, ma che dopo pochi minuti diventano facili da fare propri. Ogni tasto accompagna una fluida movenza di Aloy, che dimostra subito di essere agile e sveglia, così come deve esserlo il giocatore: le macchine sono veloci e attaccano senza farsi molti scrupoli, schivare e colpire al momento giusto sta a voi.

Per catturare la cavalcatura senza “ucciderla” ci siamo avvalsi di un broadhead, ovvero di un arpione, che lancia corde in certe parti dell’animale per poi fissarle al terreno. Il menù delle armi e trappole, basato su un meccanismo a ruota in cui selezionare l’oggetto da utilizzare, si appoggia al crafting dei componenti. Selezionato e utilizzato l’arpione, una volta caduto l’obiettivo potremo, con la nostra lancia, effettuare l’override della creatura, per poi cavalcarla liberamente.

horizon-1

Cavalcando per la piccola porzione di mappa concessa per la prova abbiamo permesso al nostro sguardo di scivolare sul paesaggio circostante. Realizzato con massima cura, arricchito di dettagli e allegro grazie alla vivacità dei colori, l’ambiente si rivela essere quasi rilassante, anche se tutti questi particolari e toni di colore potrebbero distrarre facilmente.

Bello ma non perfetto, anche Horizon: Zero Dawn ha le sue pecche. Qualche sfarfallio nell’ambientazione, nel nostro caso, si è poi evoluto in un istante di totale blocco, in cui lo schermo ha mostrato una serie di colori mischiati e niente di più. Fortunatamente il titolo si è ripreso quasi immediatamente, permettendomi di portare a termine l’esperienza.

Piccoli difetti che, prima dell’uscita, Guerrilla Games fa ancora in tempo a sistemare.

Altri articoli in News

Assassin’s Creed: Origins, disponibile la seconda Prova degli Dei

Chiara Parisi21 novembre 2017

Brutal Legend gratuito su Humble Bundle

Federico Peres21 novembre 2017

Warhammer Vermintide II: pubblicata la descrizione del Chaos Marauder

Federico Peres21 novembre 2017

La Collector’s Edition di Monster Hunter World è disponibile su Amazon

Federico Peres21 novembre 2017

È possibile da ora, preordinare l’artbook esclusivo The Art of God of War

Chiara Parisi21 novembre 2017

[RUMOR] Microtransazioni EA: Plants vs Zombies portò ad un importante licenziamento

Marco Pasqualini21 novembre 2017