Gambit – Una costumista da Oscar si unisce alla produzione

Cinema
Giorgio Paolo Campi
Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta"; se non sta guardando un film o leggendo un fumetto chiamate aiuto, perché sicuramente la situazione è grave. E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta"; se non sta guardando un film o leggendo un fumetto chiamate aiuto, perché sicuramente la situazione è grave. E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Sono in atto le trattative finali riguardanti l’ingaggio di Gore Verbinski alla regia di Gambit, e da poco sono stati rivelati dettagli riguardanti la data d’uscita della pellicola nelle sale statunitensi, prevista per il 14 febbraio 2019. Ciononostante, non sembrano fermarsi le notizie riguardo al cinecomic di 20th Century Fox dedicato al mutante cajun di casa Marvel, spin-off della saga degli X-Men.

Secondo quanto riportato da Omega Underground, si è appena aggiunta alla produzione la pluripremiata costumista britannica Jenny Beavan. Attiva dalla fine degli anni ’70, fu collaboratrice di lunga data del costume designer John Bright ed è ricordata – oltre che per le numerosissime nomination agli Academy Awards e ai BAFTA Awards (I bostoniani, Quel che resta del giorno, Il discorso del re) – soprattutto per le vittorie di due Oscar, nel 1987 con Camera con vista, dramma sentimentale ambientato nella Firenze del primo ‘900, e nel 2016 con Mad Max: Fury Road.A questo punto, non resta che chiedersi fino a che punto il lavoro della Beavan si atterrà ai modelli dei costumi e al design complessivo del personaggio dei fumetti. Gambit è comparso al cinema soltanto una volta, fino ad ora, in un cameo in X-Men le origini – Wolverine (2009). In quell’occasione venne interpretato da Taylor Kitsch (The Covenant, Le belve), e il design del personaggio, vestito con giacca di pelle scura, camicia viola e cappello, era molto distante da quello classico ideato da Chris Claremont e disegnato da Jim Lee nell’estate del 1990.

Gambit sarà prodotto congiuntamente da Reid CarolinSimon KinbergLauren Shuler Donner e lo stesso Channing Tatum con la sua Free Association.

Alla sceneggiatura, basata su un soggetto e sui personaggi ideati da Chris Claremont (autore anche della saga di X-Men e Logan), si sono dedicati Joshua Zetumer (RoboCop) e Reid Carolin (Magic Mike), ma la trama del film rimane per ora un mistero.

L’unico membro certo del cast, finora, è l’attivissimo Channing Tatum (22 Jump Street, Magic Mike, The Hateful Eight, Logan Lucky, Kingsman: The Golden Circle), che vestirà i panni del protagonista, Remy LeBeau (alias Gambit).

Altri articoli in Cinema

The Ring in realtà aumentata

Marco Pasqualini25 febbraio 2018

Silver & Black: le riprese sarebbero state posticipate a tempo indeterminato

Alessio Lonigro24 febbraio 2018

L’isola dei cani, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella24 febbraio 2018

X-Force: Le riprese del film inizieranno ad ottobre

Francesco Damiani24 febbraio 2018

James Gunn fa chiarezza sulla scena tagliata di Yondu in Thor Ragnarok

Francesco Damiani24 febbraio 2018

Joss Whedon lascia ufficialmente BatGirl

Carmen Graziano23 febbraio 2018