Il fumetto asiatico protagonista al Romics con Mangasia e Bumbardai

Comunicati Stampa
Redazione
NerdPlanet.it, portale di notizie ed intrattenimento online in forte crescita ed espansione che fornisce ai suoi followers notizie, anteprime, recensioni, pareri, servizi speciali e rubriche d’informazione su tutti i temi che coinvolgono nerd, geek ed appassionati di ogni tipo.

NerdPlanet.it, portale di notizie ed intrattenimento online in forte crescita ed espansione che fornisce ai suoi followers notizie, anteprime, recensioni, pareri, servizi speciali e rubriche d’informazione su tutti i temi che coinvolgono nerd, geek ed appassionati di ogni tipo.

Bumbardai, la serie a fumetti che arriva dalla Mongolia: anteprima in esclusiva per l’Occidente a Romics

Il fumetto asiatico sarà protagonista della XXIIesima edizione di Romics grazie alla collaborazione con “Mangasia: Wonderlands of Asian Comics”, la prestigiosa mostra in programma al Palazzo delle Esposizioni di Roma e ad un incontro d’eccezione durante il festival sabato 7 ottobre alle 12 al padiglione 9 Arena Comics Meeting & Lab.

Ad animare il panel Mangasia, tutto il fascino del fumetto orientale saranno Paul Gravett, curatore della mostra, i due critici di fama internazionale Nicolas Finet e John A. Lent, l’autore di “Bumbardai” (Nomadic Comics) Erdenebayar Nambaral, il CEO di Showa Holdings Co. Tatsuya Konoshita e Dan Erdenebal, executive producer di Bumbardai Project.

Nambaral Erdenebayar è l’autore di “Bumbardai”, serie culto vincitrice nel 2015 dell’ottava edizione del Manga Award. Romics è il primo festival del mondo occidentale (compresi Europa e Stati Uniti) a presentare il progetto, che avrà uno sviluppo multimediale davvero importante nei prossimi anni: serie in animaizone, video game, gadgettistica, parco a tema. Pubblicata in Mongolia a partire dal 2013, “Bumbardai” vuole raccontare la tradizionale cultura nomade alle generazioni future. È una storia sul legame tra una madre e un figlio, sulla vita tradizionale mongola e il suo rapporto con Madre Natura.

Nato nel 1984 nella provincia mongola di Orkhon, Erdenebayar ha cominciato a disegnare nel 2004 per debuttare nel 2005 come artista del fumetto con 300 Taichud. Nel 2011 “Bongo” è stata la sua prima opera di grande successo diventando popolare presso il pubblico mongolo.

Ad accompagnare Nambaral, Tatsuya Konoshita che sta promuovendo il fumetto Bumbardai nel mercato internazionale e Dan Erdenebal, produttore esecutivo del progetto.

Protagonisti dell’incontro saranno anche due critici importanti come Nicolas Finet, scrittore francese, editore, filmaker di documentari e John A. Lent, autore di oltre 80 libri tra i quali “Asian Comics” e “Comics Art in China” e fondatore dell’International Journal of Comic.

Importante il contributo di Paul Gravett, giornalista e curatore di mostre, esperto di fumetti a livello internazionale. Dal 2003 dirige il festival londinese Comica.

Fonte: Bookteller Agency 

Altri articoli in Comunicati Stampa

Mob Psycho 100 #1: Non Stressate Quel Ragazzo

Redazione11 novembre 2017

DRAGON BALL QUIZ BOOK: SOLO PER VERI SAIYAN!

Redazione10 novembre 2017

Landis, Camuncoli e Skybound: arriva GREEN VALLEY

Redazione10 novembre 2017
Just Dance 2018

Arriva Just Dance 2018: il videogioco di ballo più famoso al mondo

Redazione31 ottobre 2017

Halloween 2017: tra i più piccoli impazzano i Balster NERF e gli eroi Marvel e Star Wars

Redazione30 ottobre 2017

Thor e Hulk tornano al cinema e nei negozi di giocattoli

Redazione26 ottobre 2017