News
Matteo Pugliese

Qualche giorno fa abbiamo finalmente potuto vedere il primo video gameplay dell’ormai imminente Darksiders III ma prima del reveal ufficiale degli scorsi giorni, i fan hanno atteso un terzo capitolo per molti anni. Un’attesa piena di dubbi ed incertezze a causa del fallimento di THQ e della chiusura di Vigil Games, produttori e sviluppatori del titolo.

Darksiders III esiste e, a meno di sconvolgimenti dell’ultimo minuto, arriverà sicuramente sul mercato ma per riuscirci il percorso è stato piuttosto tortuoso. Il gioco è di fatto sopravvissuto alla morte, quella del publisher THQ, che ha chiuso i battenti praticamente quando il progetto è stato messo in pre-produzione.

Gli ormai ex Vigil Games parlano in un videodiario, pubblicato su YouTube e riportato in cima alla notizia, sugli avvenimenti che hanno portato al recupero del franchise grazie a THQ Nordic e alla genesi di Darksiders III, terzo episodio di quella che dovrebbe essere una quadrilogia dedicata ai Cavalieri dell’Apocalisse.

“Ci furono dei passi falsi lungo la strada per cercare altri publisher che fossero disposti a dare una possibilità al team di continuare il proprio lavoro. Provammo a rimanere positivi riguardo a tutto ciò su cui stavamo lavorando ma le nostri menti tornavano sempre indietro. Volevamo creare un altro Darksider”, spiega il level designer, Richard Vorodi.

Darksiders III è in arrivo nel 2018 su PC, PS4 e Xbox One.

Altri articoli in News

Pokémon su Switch: le immagini trapelate sugli starter sono false

Antonio Salvatore Bosco21 febbraio 2018

[RUMOR] Pokémon su Switch: ecco i possibili Starter di ottava generazione

Antonio Salvatore Bosco21 febbraio 2018

Dragon Ball FighterZ: ecco le prime immagini ufficiali per Broly e Bardak

Francesco Damiani21 febbraio 2018

Bornout Paradise è pronto a tornare su console next gen

Francesco Damiani21 febbraio 2018

Death Stranding: Kojima sta pianificando qualcosa per l’E3 2018

Francesco Damiani21 febbraio 2018

Diablo III arriverà su Nintendo Switch nei primi mesi del 2019?

Francesco Damiani20 febbraio 2018