Don’t Breathe 2: Sam Raimi dice cosa pensa dell’idea per il sequel

Cinema
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Sam Raimi può essere definito un giudice adatto in fatto di sequel. Sia Evil Dead II e Spider-Man 2 non sono solo film belli presi singolarmente, ma anche facilmente classificabili come due dei migliori esempi del genere a cui appartegono. Per questo la parola di Sam Raimi significa davvero qualcosa quando si parla dell’argomento sequel. Questa introduzione è necessaria a spiegare perchè è così importante che sia stato proprio Sam Raimi il regista che ha definito l’idea che sta guidando lo sviluppo del non-ancora-ufficialmente-in-programma sequel di Don’t Breathe, Don’t Breathe 2,  come la più grande idea per un sequel in cui sia personalmente mai incappato.

La notizia arriva dal sito di Cinemablend che ha potuto partecipare al piccolo pranzo a cui partecipava la stampa riguardo Don’t Breathe 2, lo steso pranzo a cui appunto hanno preso parte Sam Raimi, Fede Alvarez e Rodo Sayagues e che aveva l’obiettivo di promuovere il lancio in home video di Don’t Breathe. La conversazione è durata due ore e ha permesso ai giornalisti di parlare di diveresi argomenti circa il making of  del primo capitolo di questa (forse) nuova saga horror, e anche del suo potenziale futuro. Cinemablend ha chiesto ai tre registi cosa c’era in serbo per il futuro, e Sam Raimi e Fede Alvarez hanno risposto menzionando un sequel:

Fede Alvarez: Proprio ora,  sì, Don’t Breathe 2 è qualcosa che noi volgiamo sicuramente fare. La sfida è ovvia — non vogliamo fare lo stesso film e ficcarci sopra un “2”. Ci sentiremmo molto in imbarazzo se lo facessimo. La nostra prima reazione quando ce lo hanno detto, ‘Volete farlo?’ è stata tipo, ‘No, no, no, no, no, no, no, no. Quella è Hollywood! Quello è il diavolo! Non volgiamo fare il sequel solo perchè possimao.’  Ma allora abbiamo avuto idea di cui siamo davvero eccitati, e non vi dirò che cos’è perchè rovinerebbe tutto.
Sam Raimi: E’ solo la più grande idea per un sequel che abbia mai sentito! Non sto scherzando!

fede-alvarez-directing-dont-breathe

Proseguendo Fede Alvarez ha spiegato che lui vede l’approccio a Don’t Breathe 2 come “un approccio anarchico per un sequel” — preparandoci completamente per qualcosa di completamente inaspettato e diverso dal film che è uscito nel 2016. Le cose sono ancora molo agli inizi,  e come risultato i tre non hanno ancora potuto sottoporre l’idea allo studio, ma Sam Raimi ha già un’idea abbastanza buona di come reagiranno. Raimi ha detto infatti, ridendo: “Non penso gli piacerà per niente! Impazziranno quando scopriranno a cosa stiamo pensando.”

sam_raimi

Detto da un regista che ha passato la sua intera carriera a realizzare film unici, privi di smielatezza e bombastici — anche quando ha lavorato nel così detto studio system — è davvero eccitante e molto promettente per Don’t Breathe 2.

Per quello che ha dichiarato il team di filmmaker ai giornalisti circa il progetto, niente a proposito di Don’t Breathe 2 sembra ancora scritto sulla roccia, e Fede Alvarez ha fatto anche notare che non è intenzionato a dirigerlo a meno di non innamorarsene per davvero. Comunque, lui era molto eccitato di scavare ancora di più nei personaggi horror introdotti nel primo film. Alvarez ha detto: “Ma ne siamo eccitati. Cominceremo probabilmente a scrivere presto,  e se lo amerò, lo dirigerò anche. Vedremo cosa accadrà. E’ eccitante creare un personaggio di cui vuoi vedere di più. Almeno per me! Vedere l’Uomo Cieco sullo schermo di nuovo, facendo altre cose e vedendo cosa accadrà con lui e con la sua vita.”

Director Fede Alvarez (right) with Shiloh Fernandez on the set of TriStar Pictures' horror EVIL DEAD.

Dato che ora Fede Alvarez è coinvolto nella realizzazione di The Girl In The Spider’s Web (come vi abbiamo già raccontato qui), potrebbe mancare poco a delle novità circa la firma di qualche contratto riguardante Don’t Breathe 2 – ma bisognerà comunque avere pazienza. Nel frattempo, se il film vi è piaciuto così come a Sam Raimi, procuratevi il Blu-ray o il DVD di Don’t Breathe quando arriverà sugli scaffali, che sarà, almeno negli USA, il 29 Novembre.

Altri articoli in Cinema

Marvel Studios: Frank Grillo torna a parlare di Crossbones

Alessio Lonigro17 ottobre 2017
Han Solo

Han Solo: A Star Wars story – Il nuovo Spin-off in arrivo!

Roberta Galluzzo17 ottobre 2017

[Rumor] Venom: si amplia il cast dello spin-off di Spider-man

Simone La Ganga17 ottobre 2017

Gambit – Una costumista da Oscar si unisce alla produzione

Giorgio Paolo Campi17 ottobre 2017

Black Panther: quali saranno le motivazioni di Klaue?

Alessio Lonigro17 ottobre 2017

Thor: Ragnarok: Lady Sif ci sarà o no?

Alessio Lonigro17 ottobre 2017