Dietro le quinte di Star Wars – quanto costa un AT-AT?

Cinema
Maria Elena Sirio
Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Dando un’occhiata alle futuristiche avventure spaziali della saga di Star Wars, vi è mai capitato di chiedervi se fosse possibile e quanto potesse costare costruire davvero alcune delle macchine o armi presenti nei film?

Spesso queste domande non hanno risposta ma, forse, non nel caso dell’AT-AT. Qualcuno, mediante calcoli sensati fatti in base a dettagli presenti nella descrizione dell’armatura, ha così deciso di scoprire quanto potrebbe effettivamente costare la creazione del suddetto mezzo imperiale.

La descrizione, infatti, reciterebbe:

“Il carro armato statunitense M1 Abrams utilizza una tecnologia che potrebbe essere comparata a quella del camminatore, potendolo utilizzare come punto di riferimento. Calcolando la dimensione, il peso e l’altezza, un camminatore AT-AT è circa l’equivalente di 160 M1 Abrams. Questo darebbe un peso di circa 1.020 tonnellate e 19.1 MW di potenza. Costo 146 milioni di dollari”

Per quanto riguarda le lunghe zampe del nostro camminatore, invece:

“Il camminatore AT-AT ha quattro zampe, che necessitano di movimenti motorizzati per poter essere utilizzate. Il carro armato M1 Abrams possiede una turbina da 1.12 MW. La torretta rotante sopra al carro è circa la tecnologia che servirebbe servirebbe all’AT-AT per poter muoversi. Costo 8.5 milioni di dollari”.

Vi lascio all’immagine contenente tutte le descrizioni delle varie parti (e dei costi) del camminatore:

at-at

 

Altri articoli in Cinema

Avengers 4: nuova misteriosa foto dal set

Alessio Lonigro23 novembre 2017

Jude Law sarà Mar-Vell in Captain Marvel!

Stefano Grillanda23 novembre 2017

John Lasseter lascia la Pixar per sei mesi a causa di “comportamenti inadeguati”

Matteo Ivaldi22 novembre 2017

Box Office e Cinecomics: analisi e confronti di un 2017 da ricordare

Andrea Prosperi22 novembre 2017

Justice League: poster inquietante nei cinema cinesi

Annamaria Rizzo21 novembre 2017

Star Wars: Gli ultimi Jedi – Nuovi dettagli sulle “volpi di cristallo”

Giorgio Paolo Campi21 novembre 2017