DCU: come si è sviluppata la visione di Zack Snyder del DC Extended Universe

Cinema
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Alcune nuove dichiarazioni hanno rivelato come i personaggi di Zack Snyder per Justice League nel DC Extended Universe si sono sviluppati separatamente rispetto a quelli protagonisti della run del Rebirth.

L’universo condiviso dai film DC ha avuto la sua buona parte di problemi, con una recezione fatta di alti e bassi per Batman v Superman: Dawn of Justice e Suicide Squadanche se è dannoso per la confusione di ciò che aspetta il futuro del franchising.

Dettagli sui nuovi progetti arrivano da informazioni leakate o rapporti piuttosto che da dichiarazioni stampa, e le parole ufficiali che arrivano dalla DC Enterntainment solitamente sono per risposte alla crtica negativa (vedere il SDCC, quando la grande notizia pareva essere che Ben Affleck sarebbe rimasto nei panni di Batman, piuttosto che gli otto film già confermati, così come riportato anche da ScreenRant.com).

Le cose si sono chiarite con una recente intervista con Vulture con alcune pezzi grossi della DC che hanno parlato dei cambiamenti dietro le quinte del DCEU e di quale fosse l’attuale piano d’azione. Questo ha dipinto un affresc molto più grande della storia raccontata nei cinema nello Snyderverse. Comunque, sembra che un dettaglio interessante sia stato lasciato fuori.

Abraham Riesman, che ha scritto l’articolo per Vulture, è stato ospite del podcast intitolato Batman-On-Film questo weekend e ha discusso di una dischiarazione della presidentessa del DC Entertainment Diane Nelson che non è stata inclusa nell’articolo originale.

Secondo l’autore, la Nelson ha detto qualcosa circa “l’effetto per quello” che Snyder aveva visualizzato per i personaggi di Superman, Batman e gli altri nei suoi film del DCEU non coincidevano con i piani per il franchise più grnade, ma che la DC Entertainment era stata più che contenta di lasciarlo immaginare la sua strada:

“Questa è stata attualmente una frase che non si è mostrata nel pezzo finito, ma quello Diane [Nelson] mi ha dato. Era per l’effetto del ‘siamo un posto guidato dal regista e Zack aveva una visione che non si sincronizzava con la nostra visione dei personaggi, ma noi rispettiamo quello che voleva fare e quello è parte della nostra filosofia.”

La cosa più controversa circa le due pellicole di Snyder per il DCEU è stato il suo modo di gestire icone come Superman, Batman e Lex Luthor, con i suoi film che tentavano di decostruire questi miti moderni, molti si sono sentiti come se non rappresentassero affatto quello che li rendeva dei miti in primo luogo.

Almeno, pochi negherebbero che il Clark Kent e il Bruce Wayne che si sono mostrati in Dawn of Justice erano interpretazioni atipiche. Sembra ora che i fan non fossero gli unici sorpresi da ciò; le idee di Snyder erano diverse da quello che era previsto per il neo-nato DC Universe, che era a quel punto in via di reboot per via del Rebirth.

Mentre il Rebirth è siginificato un grande cambiamento del DCU status quo, questo non sembra essere stato un problema per i film perchè il franchise, come sembra essere stato ripetuto più volte, era affidato allo spirito del regista principale, con ogni regista capace di portare la loro stessa unica visione ai loro rispettivi film – proprio come gli autori di fumetti possono presentare le loro idee sui personaggi.

Quindi, mentre la dichiarazione ha gettato un po’ di luce sulle opinioni interne riguardo allo sviluppo del universo cinematografico condiviso dai film DC, non condanna esplicitamente nessuno dei film di Snyder nè l’opera più estesa.

Infatti, il fatto che la Nelson fosse convinta di approvare un progetto come Batman v Superman sulla base dell’idea di un autore mostrerebbe la fiducia che lo studio ha avuto in Snyder e instillerebbe solo fiducia su quello che James Wan può dare attraverso il suo Aquaman e David F. Sandberg attraverso il suo Shazam!; il messaggio è, ancora una volta, che loro danno la priorità al raccontare storie piuttosto che ha stabilire un brand.

Vale la pena notare che Riesman sta parafrasando la Nelson quindi noi non sappiamo se queste sono le sue esatte parole, nonostante il suo riassunto sembrerebbe adatto a comunicare il messaggio di fondo.

Perchè questa dichiarazione non ha potuto essere compresa nell’articolo originale è ignoto, anche se potrebbe essere stato per via del fatto che tutto potesse sembrare ripetitivo nel contesto dell’impostazione offerta da Riesman.

Rischia anche di sembrare troppo apologista nei confronti dei film di Snyder (bisogna ricordare che l’articolo era un tentativo di chiarire le cose), che è dannoso sia per quelli a cui i film sono piaciuti che alla prospettiva di Justice League per il prossimo mese.

Abraham Riesman ha però chiarito su Twitter i sentimenti della DC nei confronti di Zack Snyder. Ha specificato che non c’era stato nessun “duro scisma” , e la Nelson e altro erano “mai stati irrispettosi di Zack Snyder.”

Come già detto nel resto dell’articolo, i film della DC sono guidati dal loro regista e l’approccio della Warner Brothers è di “credere sempre nel talento come nel talento di portare la loro prospettiva di cosa stanno creando con noi.”

Il fatto che Snyder e Nelson “non necessariamente si sincronizzavano” era meramente legato al fatto che la DC stava facendo qualcosa di diverso con il DC Rebirth rispetto a quello che Snyder stava facendo nei suoi film.

Altri articoli in Cinema

Solo: A Star Wars Story, gli ex-registi parlano del loro licenziamento

Luca Paura20 novembre 2017

Thor: Ragnarok – la pellicola dei Marvel Studios supera i 700 milioni di dollari

Alessio Lonigro20 novembre 2017

Confermati i cameo di Gary Barlow e dei principi William e Harry in Star Wars: Gli Ultimi Jedi

Matteo Ivaldi20 novembre 2017

Ant-Man & The Wasp: Lawrence Fishburne parla del film!

Alessio Lonigro19 novembre 2017

Fox: James Franco sarà l’Uomo Multiplo!

Alessio Lonigro17 novembre 2017

Star Wars – Gli ultimi Jedi: il commento di Rian Johnson per rassicurare i fan

Annamaria Rizzo17 novembre 2017