Confermato dai fratelli Russo che Steve Rogers non sarà più Cap

Cinema
Marco Pasqualini
Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Come un fulmine di Thor a ciel sereno, i fratelli Russo hanno fornito uno spiazzante retroscena del loro ultimo cinecomic. Proprio in questi giorni i due registi sono impegnati nella campagna di promozione home video  di Captain America: Civil War;  in tale occasione sono stati forniti interessantissimi dettagli. Hanno dapprima affermato di aver preso in considerazione l’inserimento sia di Hulk Rosso sia dell’ armatura Iron Spider (già menzionata nello scorso articolo sull’arrampicamuri). Nel primo caso, la figura del generale Ross non è potuta essere ben delineata per introdurre un personaggio così massiccio e,di conseguenza, ha dovuto dare la precedenza alla storyline principale e al suo ruolo istituzionale,mentre nel secondo caso è stato suggerito velatamente di poter vedere prima o poi Peter Parker indossare il mitico costume, possibile proprio nel loro prossimo capitolo degli Avengers: Infiniy War.

Non contenti di averci fatto sbavare abbastanza, i due si sono ben cautelati svelando un macroscopico particolare relativo a Cap. La scena verso la fine del film in cui Steve Rogers abbandona il suo iconico scudo non sarebbe solamente l’epilogo di una stancante guerriglia, piuttosto rappresenterebbe la decisione di rinunciarci, forse per sempre. Quello che sembrava il pretesto per una futura e scontata scena in cui Tony Stark richiama alle armi Rogers consegnandogli il suo scudo in vibranio, si rivela uno snodo imprevisto.

E ora? In fondo nel fumetto gli eventi di Civil War portarono alla morte del Capitano da parte di Crossbones, mentre questa maniera più pacifica di congedarsi è, tutto sommato, in linea con la psicologia del personaggio avviata con Il Primo Vendicatore. Inoltre è evidente quanto Marvel stia sotto sotto spingendo da anni Sebastian Stan/Bucky/Soldato d’Inverno cercando il più possibile di farlo piacere al pubblico in ottica di un futuro passaggio dello scudo/testimone. In fondo nessun personaggio del cinema Marvel ha mai goduto di uno strategico(?) alone di redenzione. Dal lavaggio del cervello in poi (decenni prima) ne ha combinate di tutti i colori e ammazzato un bel po’ di persone (più o meno importanti…), eppure la passa sempre liscia.. Tale assurdità è seconda soltanto al buonissimo, perfezionismo, gentilissimo, educatissimo, bellissimo e miglior papa’ del mondo: il Deadshot di Suicide Squad.

Altri articoli in Cinema

Box Office e Cinecomics: analisi e confronti di un 2017 da ricordare

Andrea Prosperi22 novembre 2017

Justice League: poster inquietante nei cinema cinesi

Annamaria Rizzo21 novembre 2017

Star Wars: Gli ultimi Jedi – Nuovi dettagli sulle “volpi di cristallo”

Giorgio Paolo Campi21 novembre 2017
Molestie a Hollywood, Kevin Spacey

Molestie a Hollywood: Kevin Spacey è entrato in rehab ma altri big sono sotto accusa

Nicoletta Salvi21 novembre 2017

Marvel vs. DC: parla il co-sceneggiatore di Doctor Strange

Alessio Lonigro21 novembre 2017

Coco: il nuovo film d’animazione firmato Disney Pixar

Annamaria Rizzo20 novembre 2017