Bryan Cranston: no al commisario Gordon

Cinema
Marco Pasqualini
Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Ammettiamolo, lo avremmo voluto tutti. Bryan Cranston sarebbe dovuto essere effettivamente Lex Luthor e Jesse Eisenberg Jimmy Olsen. Sarebbe stato annunciato a cavallo del finale dell’ultima stagione di Breaking Bad ma alla fine così non è stato e ci si chiede come sarebbe stato Batman vs Superman con lui come villain. Snyder ha svecchiato il personaggio affidandolo al giovane Jesse e la sua energica e bipolare interpretazione è stata più che buona e bisogna riconoscere che dopo i superbi Gene Hackman e Kevin Spacey (farlo tornare al ruolo non sarebbe stato poi così assurdo) ci sarebbe stato il rischio di già visto.

Tale preambolo per attualizzare gli ultimi rumour che lo avrebbero visto rifiutare il ruolo del commissario Gordon (poi andato a J.K. Simmons) in quanto non interessato ad interpretare un comprimario rischiando di essere schiacciato dai veri protagonisti del cinecomic. Saggiamente l’attore ha dichiarato di attendere l’occasione giusta e noi non possiamo che essere d’accordo con lui. Cranston è considerato tra i migliori attori moderni ed è quasi costretto a lasciare il segno ad ogni sua performance.

Stuzzica pure i fan considerando Mr. Sinister come un personaggio che lo affascina, nonostante sembra sia già stato affidato il ruolo e tale dichiarazione sembra quasi una provocazione che rimescola in toto le carte nell’immaginario collettivo. Probabilmente l’attore punta ad un ruolo che gli garantisca di essere presente in più film e altrettanto probabile che Marvel e DC si stiano scannando a vicenda pur di accaparrarselo.

Altri articoli in Cinema

Justice League: poster inquietante nei cinema cinesi

Annamaria Rizzo21 novembre 2017

Star Wars: Gli ultimi Jedi – Nuovi dettagli sulle “volpi di cristallo”

Giorgio Paolo Campi21 novembre 2017
Molestie a Hollywood, Kevin Spacey

Molestie a Hollywood: Kevin Spacey è entrato in rehab ma altri big sono sotto accusa

Nicoletta Salvi21 novembre 2017

Marvel vs. DC: parla il co-sceneggiatore di Doctor Strange

Alessio Lonigro21 novembre 2017

Coco: il nuovo film d’animazione firmato Disney Pixar

Annamaria Rizzo20 novembre 2017

Solo: A Star Wars Story, gli ex-registi parlano del loro licenziamento

Luca Paura20 novembre 2017