Blizzard cambia il nome alla sua Battle.net lasciando invariati i servizi

News
Alessandro d'Amito
Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.

Dopo l’annuncio dato tempo fa di voler cambiare identità alla sua Battle.net, Blizzard ha infine modificato il suo launcher portandolo a diventare semplicemente Blizzard App.

Il motivo del cambiamento è stato la voglia di eliminare la situazione in cui esistevano due distinte identità per la società ed il suo servizio, cosa che confondeva soprattutto i nuovi giocatori. Così facendo, l’unica identità rimasta è quella di Blizzard.

Blizzard App

Quello che prima fungeva da launcher per i giochi sotto il nome di Battle.net ha solo cambiato nome, mantenendo tutti i servizi offerti fino ad ora. Non ci saranno modifiche di sorta all’applicazione di Blizzard, se non la sostituzione del nome. Il supporto offerto per il gioco multiplayer, servizio di punta della società, rimarrà ovviamente lo stesso ed è talmente entrato nella concezione comune della società che non ha più bisogno di un nome esplicativo.

Diamo quindi l’ultimo saluto a Battle.net, ben consci che il servizio e l’applicazione sono più vivi che mai.

Fonte: GameSpot

Altri articoli in News

PlayerUnknown’s Battleground, nuove armi e molto altro nell’aggiornamento 1.0

Chiara Parisi22 novembre 2017

Le casse premio uguali al gioco d’azzardo? La commissione in Belgio dice di sì

Federico Peres22 novembre 2017

Assassin’s Creed: Origins, disponibile la seconda Prova degli Dei

Chiara Parisi21 novembre 2017

Brutal Legend gratuito su Humble Bundle

Federico Peres21 novembre 2017

Warhammer Vermintide II: pubblicata la descrizione del Chaos Marauder

Federico Peres21 novembre 2017

La Collector’s Edition di Monster Hunter World è disponibile su Amazon

Federico Peres21 novembre 2017