Benvenuti, Pixel e Pixel XL

News
Roberto Bisaccia

Sono stati annunciati qualche giorno fa, in contraddizione con il loro nome non hanno nulla a che vedere con la fotografia (ma di questo ne parleremo dopo perché merita davvero), due nuovi smartphone Android di casa Google.

Pixel e Pixel XL, questi i loro nomi. Due smartphone che vanno ad aggiungersi alla ormai vastissima scelta di Top di Gamma e che presumibilmente andranno a lottare con S7 e iPhone 7. Mettendo da parte la vecchia serie Nexus che ha regalato tante gioie a Google ed ai suoi acquirenti, i nuovi Pixel arriveranno sul mercato portando l’eleganza di cui uno smartphone ha bisogno: design in alluminio anodizzato e… qualche linea di troppo che riporta ad Apple (non male come idea). Ma ora elenchiamo le specifiche tecniche degli smartphone in questione.

google-pixel_tech-3327

Entrambi avranno un display AMOLED: Pixel avrà un 5” Full HD mentre l’XL ne avrà uno da 5,5” Quad HD. Le dimensioni di Pixel saranno di 143,8×69,5×7,3 millimetri e quelle di Pixel XL di 154,7×75,7×7,3 millimetri. Piccole differenze anche per quanto riguarda il peso, ovvero 143 grammi il primo e 168 il secondo. Come sistema operativo troviamo l’ultimo “figlio” di casa Android, Android 7.1 Nougat, che girerà su entrambi i device su un processore Snapdragon 821 da 2.4 GHz con una ram, anch’essa uguale sui 2 prodotti, di 4 GB. Per la memoria interna invece troviamo il taglio da 32 GB e quello da 128 GB, in tutti e due i casi non c’è possibilità di espansione con MicroSD.

Ora arriviamo al punto forte: la fotocamera. Nulla di speciale, sia chiaro, ma andiamo ad analizzare questo comparto. I due “fratelli” si presentano con una fotocamera posteriore di 12.3 MPX  in grado di registrare in 4K a 30 Fps ed una frontale da 8 MPX. Come dicevamo prima nulla di speciale, ma le foto scattate con questo device hanno raggiunto il punteggio più alto mai registrato per uno Smartphone e, come già si è capito, non ha eguali per il momento. Un punto dolente è l’assenza di stabilizzatore ottico ma vi è un software che analizza fino a 200 volte al secondo la posizione dello smartphone, compensando digitalmente eventuali movimenti involontari.

Ma qual è il perno centrale degli smartphone ai giorni d’oggi? Si, proprio la batteria. Pixel avrà una batteria da 2.770 mAh che permette al cellulare di rimanere “vivo” per 19 giorni in stand-by e per 23 ore in conversazione. Pixel XL ne avrà invece una da 3.440 mAh, con uno stand-by di 23 giorni e una durata in conversazione di 32 ore. Presente, ovviamente, la tecnologia Fast Charging che sarà in grado di fornirci 7 ore di autonomia con soli 15 minuti di ricarica.

pixel7-1

Lo scanner di impronte digitale risponde “Presente” all’appello ed è stato battezzato da Google Pixel Imprint. Ma ora siamo arrivati alle conclusioni e, purtroppo, arriva il momento dei conti in tasca: con dei prezzi non così agevoli, Pixel e Pixel XL, costeranno più o meno come gli ultimi prodotti di casa Apple;

  • Google Pixel 32Gb: 759€;
  • Google Pixel 128Gb: 869€;
  • Google Pixel XL 32Gb: 899€;
  • Google Pixel XL 128Gb: 1.009€

Quale acquistare? Semplice. Tutto ruota attorno alle vostre preferenze (e alle vostre tasche), display piccolo Full HD o display grande Quad HD? Come avrete già capito sono due smartphone praticamente identici, bisogna pensare solo alla comodità di uno smartphone maneggevole o alla “scomodità” di uno con una migliore resa del display.

Come ormai continuo a dire da qualche anno a questa parte, complice la serie Nexus, BEL LAVORO GOOGLE!

Altri articoli in News

ASAP HUB Milano

Arriva ASAP: il primo hub europeo dedicato alle tecnologie esperienziali

Redazione20 ottobre 2017

iPhone 8: prezzi a partire da $1000

Federico Marsili12 settembre 2017

Maxon Cinema 4D Roadshow – scopri modellazione 3D e VR in questo tour di 4 tappe

Alessandro d'Amito9 settembre 2017

Apple starebbe per adottare il formato 4K su iTunes

Gerardo Americo1 agosto 2017

Iphone 8 – Nuova clip illustrativa per il design del prodotto

Roberta Galluzzo1 luglio 2017

Sony si starebbe preparando per tornare a produrre vinili

Gerardo Americo1 luglio 2017