Batman Rinascita – Io Sono Gotham, La Recensione

Fumetti
Andrea Prosperi
Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.
@Www.twitter.com/Zero_Borja

Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.

Il New 52 non è stato esattamente un periodo d’oro per la DC Comics. Una fase poco esaltante, con, dall’altro lato della barricata, l’ottimo Marvel Now. Il nuovo rilancio, denominato Rinascita (in originale Rebirth), portava con sé proprio un desiderio di rivalsa, un vero e proprio nuovo inizio per molti eroi ormai parte dell’immaginario collettivo. RW Edizioni ha così portato in Italia i nuovi titoli della casa di Batman e soci, presenti nelle edicole e nelle fumetterie da Gennaio, arrivando anche, da questo autunno, direttamente in volume. Possiamo così parlare di Batman Rinascita, e del suo primo numero, dall’emblematico titolo Io Sono Gotham.

Qualcosa di diverso

Il titolo di questo paragrafo proviene direttamente da una frase pronunciata dal Cavaliere Oscuro in questo primo story arc. “Qualcosa di diverso“, per il lettore, non è riferito solo alle intenzioni del protagonista, ma alla struttura stessa della testata. Alla penna troviamo Tom King, vera stella tra gli sceneggiatori dell’ultimo periodo. Reduce dagli ottimi Omega Men e Visione, entrambe miniserie apprezzate dalla critica, l’autore ha decisamente compiuto il salto, accettando di cimentarsi con uno degli eroi più celebri di tutti i tempi, una impresa tutt’altro che facile. King affronta il lavoro con grande capacità, dosando la narrazione, e introducendo con calma la sua visione di ciò che sarà il nuovo corso di Batman. Preciso e pungente, il suo ritmo della narrazione coinvolge il lettore, portandolo fin nel cuore delle avventure dell’Uomo Pipistrello. Quel “Io sono Gotham” è davvero simbolico di quanto King desideri mostrare la città e la sua personificazione stessa, Batman, come due facce della stessa medaglia.

Ad accompagnarlo in questa sfida troviamo David Finch, disegnatore ormai più che veterano nell’ambiente delle Major del mondo supereroistico. Che dire, Finch o si ama o sia odia, il suo è un tratto che riesce a dividere i lettori. La sua pecca è forse nel poco dinamismo, ma ciò non toglie che sia in grado di realizzare tavole di grande, grandissimo effetto, trasmettendo al lettore dei veri brividi adrenalinici. Punto fortemente a favore per Finch è la costanza nella qualità, nonostante la cadenza quindicinale dei capitoli negli USA.

Nuovi eroi

Questo primo ciclo mescola novità a classicismi, in un forte ritorno alle origini. Nel racconto vediamo il Cavaliere Oscuro rivivere i momenti fondamentali che lo hanno reso l’eroe che è oggi, messo a confronto con la città che egli stesso ha contribuito a forgiare. Il peso delle sue azioni tornerà a colpirlo, nella figura di due nuovi eroi. Quanto Batman è un bene per Gotham? Al tempo stesso King si diverte ad inserire una nuova spalla accanto all’eroe, ben diverso dal classico Robin, come affermato dallo stesso Bruce. Cosa ha in mente esattamente? Il proseguire della storia ci donerà sicuramente la risposta.

I primi capitoli hanno sicuramente un forte effetto, anche se non brillano. La sensazione che si ha è che sia stata aperta la strada per qualcosa di più grande. C’è da augurarsi che sia così, perché Io Sono Gotham può risultare efficace proprio in funzione di qualcosa di superiore. Non è assolutamente pessimo, anzi, ma manca di memorabilità, un fattore che, nel caso di Batman, non può non essere considerato. Scrivere Omega Men o Visione ha dalla sua i pochi confronti con cui dover lottare: scrivere per il Cavaliere Oscuro è tutto un altro paio di maniche.

Rinascita

Io Sono Gotham è decisamente promosso ma, come già fatto notare, con la riserva di leggere cosa avranno in serbo per noi i due autori. C’è molto da dire, e ancora molto da realizzare, per poter davvero definire questa gestione del personaggio.

Decisamente a favore della lettura è l’arrivo, a così poca distanza, dei volumi. I capitoli raccolti sono infatti stati pubblicati in Italia tra Gennaio e Marzo, ed è già stato annunciato il secondo volume. Piuttosto piacevole per chi ha preferito attendere questa edizione, anche perché gli spillati attualmente hanno una periodicità quindicinale che può rappresentare un ostacolo per alcuni lettori. Il prezzo di 13,95€ è decisamente competitivo, con un numero di pagine davvero elevato, in rapporto qualità prezzo. Le note dolenti arrivano nella realizzazione del volume, con un brossurato rigido non il massimo della comodità, ma che non pregiudica in modo rilevante la lettura.

La speranza è quella di essere di fronte a una nuova età dell’oro per il personaggio.

Batman Rinascita - Io Sono Gotham

Batman Rinascita - Io Sono Gotham
7.5

Sceneggiatura

8/10

Disegni

8/10

Chine

7/10

Originalità

8/10

Caratterizzazione

8/10

Pros

  • Atmosfere che richiamano il classico mondo del personaggio.
  • Nuovi personaggi sulla scena.
  • Sceneggiatura di alto livello, con il ritmo della narrazione godibile e scorrevole.

Cons

  • Un primo volume senza infamia e senza lode, che avrà bisogno del seguito per comprenderne il reale valore.
  • Finch è un disegnatore che divide molto i lettori, non adatto al gusto di chiunque.

Altri articoli in Fumetti

[SPOILER] Un grande ritorno nell’universo Marvel

Giovanni Paladino11 dicembre 2017

Il primo trailer di Alita: Battle Angel è finalmente arrivato

Matteo Ivaldi9 dicembre 2017

Blast from the Past #2: I Vendicatori di Harras ed Epting

Massimiliano Perrone7 dicembre 2017

Niente da perdere, la Recensione – No Spoiler

Stefano Grillanda6 dicembre 2017

The Don Rosa Library: Volume 1 – La recensione

Federica Vacca6 dicembre 2017

Gambit: le riprese del film inizieranno a Marzo?

Giovanni Paladino5 dicembre 2017