Fumetti
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

L’autore e disegnatore di fumetti Alex Ross ha rivelato la sua ispirazione per  l’iconico disegno di Bruce Wayne coperto di cicatrici. Con una carriera di 30 anni, Ross è una leggenda nel mondo del fumetto, avendo lavorato per DC, Marvel e altre case. Ross ha creato alcune delle più iconiche interpretazioni di popolari personaggi nelle sue cover, nei suoi disegni e nelle sua latre illustrazioni.

Uno dei suoi disegni più noti di Batman rappresenta un Bruce Wayne con la schiena piena di cicatrici, ed il tutto in bianco e nero. In un nuovo video, rilasciato sul suo canale YouTube (che potete trovare subito in cima all’articolo), Ross spiega esattamente da dove è venuta l’ispirazione per quel disegno.

Originariamente apparso nell’antologia di Batman: Black and White, l’immagine in questione era uno dei primi lavori di Ross su Batman e mostrava Bruce Wayne mentra esamina la sua spalla, mostrando una moltitudine di cicatrici più vecchie che gli coprono la schiena. Secondo Ross, l’ispirazione per questo pezzo è in verità venuta da un storia che lui ha letto da bambino e Nerdist ha identificato come parte di The Brave and the Bold #197. La storia mostrava Batman e Catwoman, che avevano fatto squadra per trovare alcuni degli amici scomparsi del Crociato Incappucciato.

Batman viene ustionato durante questa avventura e Catwoman sta per prendersi cura della ferita quando vede le cicatrici per la prime volta. Ovviamente il disegnatore Joe Stanton non mostrò effettivamente le cicatrici, o come l’ha detto Ross:

“Uno dei primi concepts che ho fatto che una illustrazione della DC di Batman, prima che io avessi fatto altre immagini di lui in costume, fu questa pin-up di lui che mostra le sue cicatrici sulla schiena, che ho tirato fuori da una storia che ho letto da ragazzo dove mostravano che un altro personaggio faceva loro rifermiento dicendo che assomigliavano ad una mappa, ma loro non le mostrarono. Quindi io ho sempre immaginato come sarebbe stata fisicamente. Quindi nei primi 20 [anni ] ho fatto una dura versione di questo pezzo che avrei più tardi migliorato in una pin-up bianco e nero nel fumetto di Batman: Black and White.”

Ci sono stati altri riferimenti alle cicatrici di Batman dopo il riferimento iniziale, nonostante non furono mai effettivamente mostrate. Ross fu il primo a dare importanza alle cicatrici, permettendo ai fan di dare una buona occhiata a quanti danni avesse causato, su Bruce Wayne, la guerra di Batman al crimine nel corso degli anni. Le cicatrici rimasero una caratteristica chiave del personaggio nel corso degli anni, tanto da ecce citate anche nei film di Batman. Sono state comunque rimosse come conseguenza di una recente storyline.

Altri articoli in Fumetti

MARVEL rivela le origini del Ragno Rosso in Legacy

Ignazio Chinnici23 ottobre 2017

Newton Compton: arriva la collana dedicata alle graphic novel

Ignazio Chinnici20 ottobre 2017
Wonder Woman

[SPOILER] DC Comics: James Robinson parla del nuovo arco narrativo di Wonder Woman

Adelin Anghel19 ottobre 2017

Gangster, la Recensione – NO SPOILER

Gerardo Americo19 ottobre 2017

Negan è Qui, la Recensione – NO SPOILER

Domenico De Martino19 ottobre 2017

Panini Comics e gli aumenti: il punto della situazione

Andrea Prosperi19 ottobre 2017