Ashraf Ismail: la parola al direttore creativo del nuovo AC Origins

News
Lorenzo Prattico
Concepito davanti Monkey Island, sopravvivo grazie al sushi, al kebab e all'immensa gioia del sapere che chi preferisce il settimo Final Fantasy all'ottavo, prima o poi, morirà.

Concepito davanti Monkey Island, sopravvivo grazie al sushi, al kebab e all'immensa gioia del sapere che chi preferisce il settimo Final Fantasy all'ottavo, prima o poi, morirà.

Ashraf Ismail, direttore creativo di quella chicca di Black Flag e del nuovo Assasin’s Creed Origins, parla ai microfoni di N4G: dopo quattro anni di silenzio forzato, pena una multa che potrebbe risollevare le sorti di una paesino abbandonato in Calabria, finalmente può parlare della sua creatura.

E anche se setting e periodo storico siano stati leakkati ben prima che il gioco avesse anche solo un nome ufficiale, Ismail è pronto a stuzzicarci in via ufficiale sulle sorprese del gioco, dal protagonista Bayek al serpente gigante visto nel trailer.

Dopo ”Tre anni e mezzo” passati sul progetto, praticamente dall’uscita di Black Flag, Ismail si è presentato all’E3 con alle spalle un muro di geroglifici qui sotto: a noi il compito di interpretarli.
L’importante è non ricordargli che abbiamo conosciuto Bayek per la prima volta grazie ad una foto leak  di Gamestop, che ”presentò” il viso del protagonista prima del suo annuncio: ”I casini in cui mi hanno cacciato per colpa di quella cosa…

Voi ci riuscirete?

Non credo che queste cose ci abbiano influenzato più del dovuto, comunque: il gioco è splendido grazie a programmatori, artisti e designer che si sono fatti il mazzo

E in effetti, da quanto si è visto, il nuovo Assasin’s Creed potrebbe essere davvero il titolo che ridonerà aria fresca alla serie:

Finito Black Flag eravamo davvero felici, ma ci siamo subito chiesti ”E adesso cosa vogliamo fare?”. Quella che venne quasi subito a galla fu la voglia di proporre un’esperienza di Assasin’s Creed mai provata prima. […]

Sapevamo che eravamo al lavoro su qualcosa di grande, sapevamo che era una sfida personale: la Ubisoft è un’azienda che sa fare il proprio mestiere. […]

Siamo felici ci abbiano dato tutto il tempo necessario per portare a termine quest’esperienza

Il confronto con Black Flag arriva e Ismail è ben lieto di affrontarlo, convinto che l’ultimo progetto possa confermarsi uno dei titoli più interessanti della serie:

Volevamo creare qualcosa di simile (ad Origins n.d.t.) già da Black Flag e non potemmo per la mancanza di tempo: tecnologicamente parlando volevamo creare un’esperienza esplorativa senza soluzione di continuità, libera: andate ad Alessandria d’Egitto: tra grotte nascoste e archi monumentali vi perdereste all’improvviso.

Il passo in avanti che volevamo intraprendere era sostituire tutta questa terra a tutto quel mare di Black Flag…sono felice che Ubisoft abbia visto il valore di questa cosa

A questo punto a fare capolino sono anche Rogue, Unity e Syndicate, ma trovano un Ismail tranquillissimo e dalle promesse bellissime:

Abbiamo seguito quei progetti mentre lavoravamo al nostro, li abbiamo analizzati e vi abbiamo preso spunto.

Naturalmente lo sviluppo tecnologico ci ha permesso di fare un gioco drasticamente diverso: la modalità stealth, il sistema di individuazione, gli stessi meccanismi di base adesso sono completamente differenti. […]

Il combattimento stesso è tutta un’altra cosa: ora si basa su un sistema a hit-box

E dal calore espresso dai fan all’apprezzamento di chi ha provato la demo sembra davvero questo capitolo abbia tutto al suo posto, compreso il setting:

Non possiamo che dirvi grazie: siamo molto orgogliosi di questo gioco.

Per la creazione del mondo non potevamo basarci sulle vecchie tecnologie: abbiamo completamente riscritto le IA, nonostante il mondo sia molto più grande di  Black Flag: adesso ogni  NPC, umano o animale, avrà un proprio scopo, in base anche al ciclo giorno-notte.

Dovranno mangiare, lavarsi, andare a dormire […]

Per questo abbiamo voluto annunciare il gioco con una demo: possiamo anche metterci ad urlare fino a diventare blu in faccia ma vorremmo che la gente lo vedesse con i propri occhi.

Ecco spiegata la boss fight con il serpentone nella demo..a proposito: l’avete già battuto?

Altri articoli in News

Anche Kevin Levine si schiera con Visceral Games

Marco Pasqualini22 ottobre 2017

[SPOILER] Assassin’s Creed Origins: primi leak per la timeline moderna

Antonio Salvatore Bosco21 ottobre 2017

Sea of Thieves, mostato il codice dei pirati e il sistema di progressione

Chiara Parisi21 ottobre 2017
Super Meat Boy

Super Meat Boy arriverà su Nintendo Switch entro quest’anno

Alessandro d'Amito21 ottobre 2017
Full Metal Panic! PS4

Bandai Namco annuncia un videogioco su Full Metal Panic! in esclusiva PS4

Alessandro d'Amito21 ottobre 2017

Team Fortress 2 riceve l’aggiornamento Jungle Inferno

Federico Peres21 ottobre 2017