Alla ricerca di Dory trionfa ancora al botteghino

Cinema
Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino, Matera e Padova. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino, Matera e Padova. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

È ancora Alla Ricerca di Dory il film più visto dagli italiani, mantenendo il primo posto al boxoffice durante il weekend. Questa settimana incassa altri 2.130.000 euro, raggiungendo quindi i 13 milioni (e la media per sala è ancora buona: 3.245 per 656 copie). Nel mondo è ormai sotto al miliardo di dollari, per la precisione siamo a quota 985.000.000. Se qualcuno dubitasse ancora che i sequel in qualche modo paghino, sicuramente incassano alla grande.

Gli altri film più visti del fine settimana sono: in seconda posizione il terzo atto delle avventure di Renée Zellweger nei panni del suo personaggio cult: Bridget Jones’s Baby porta a casa 1.375.000 euro, per un risultato complessivo nostrano di 3.760.000.
New entry al terzo posto con 1.230.000 euro: è la commedia Café Society di Woody Allen con Jesse Eisenberg e Kristen Stewart. Seria partenza, con una media di 3.340 euro con un numero di sale dimezzato rispetto a quelle di Dory.

In quarta posizione c’è spazio per la commedia nostrana: Al posto tuo con Luca Argentero e Stefano Fresi debutta sugli schermi con 530.000 euro.
L’esordio del kolossal remake di Ben-Hur firmato Timur Bekmambetov si deve accontentare di un quinto posto e di 510.000 euro: la media per sala di 1.360 euro per 376 copie lascia presagire una tenuta difficile.

Altri articoli in Cinema

L’isola dei cani, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella24 febbraio 2018

X-Force: Le riprese del film inizieranno ad ottobre

Francesco Damiani24 febbraio 2018

James Gunn fa chiarezza sulla scena tagliata di Yondu in Thor Ragnarok

Francesco Damiani24 febbraio 2018

Joss Whedon lascia ufficialmente BatGirl

Carmen Graziano23 febbraio 2018

The Disaster Artist – La Recensione

Andrea Prosperi23 febbraio 2018
Mission: Impossible - Fallout

Terminate le riprese principali di Mission: Impossible – Fallout

Silvestro Iavarone22 febbraio 2018