Aladdin – La tigre Rajah sarà presente, con un nuovo personaggio femminile

Cinema
Giorgio Paolo Campi
Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta"; se non sta guardando un film o leggendo un fumetto chiamate aiuto, perché sicuramente la situazione è grave. E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta"; se non sta guardando un film o leggendo un fumetto chiamate aiuto, perché sicuramente la situazione è grave. E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

La tigre Rajah, affettuoso e fedelissimo compagno della principessa Jasmine, sarà presente nel live action Disney dedicato ad Aladdin!

 

La recente notizia secondo cui Rajah – la tigre che vive nel palazzo del sultano insieme con la principessa Jasmine, proteggendola da eventuali minacce o pericoli – non comparirà nella versione live action del classico Disney è stata smentita da una fonte vicina alla produzione. In un’intervista rilasciata a The Hollywood Reporter, Naomi Scott, interprete che vestirà i panni di Jasmine, ha effettivamente parlato dell’introduzione di un nuovo, inedito personaggio femminile nel racconto, ma ciò non comporta necessariamente l’esclusione dell’ormai iconico felino dall’economia della trama.

Negli ultimi anni, sul grande schermo si sono già succedute ben altre due celebri tigri: il famelico Richard Parker, che condivide la scialuppa di Pi tra le onde dell’Oceano Pacifico nell’onirico e visivamente spettacolare Vita di Pi (2012) – vincitore di ben quattro premi Oscar, tra cui quelli per la miglior regia e i migliori effetti speciali, e naturalmente il possente Shere Khan nel live-action Disney de Il libro della giungla (2016), doppiato dall’attore Idris Elba nella versione originale.

Per quanto riguarda i personaggi umani, invece, la new entry, Dalia (interpretata da Nasim Pedrad), è l’ancella servitrice di Jasmine, e il suo ruolo si rivelerà fondamentale, in quanto confidente e strettissima amica della principessa di Agrabah. Oltre che consentire uno sviluppo più approfondito del carattere e della personalità di Jasmine, l’inserimento di un nuovo personaggio femminile è indice di una maggiore sensibilità alle problematiche legate alla parità dei generi e alla loro rappresentazione nei lavori di fiction, rispetto al classico d’animazione del 1992, e consentirebbe senza problemi la promozione del film al Bechdel Test. Ecco le parole della Scott a riguardo:

“Non l’avevo mai realizzato, ma nel film d’animazione Jasmine è davvero l’unico personaggio femminile – non è incredibile? Il personaggio di Dalia è così importante per il film, perché è l’unico altro personaggio femminile. Sarà anche l’ancella, ma le due sono migliori amiche; sono così vicine perché sono cresciute insieme. Perciò volevamo che le persone guardassero il film e vedessero il rapporto di Jasmine con un’altra donna, e che dicessero: “Ah, faccio anch’io così con la mia migliore amica o la mia ragazza”, oppure “Faremmo anche noi così se mi trovassi in quella situazione”. Questo è qualcosa che manca nel film d’animazione.”

La pellicola, prodotta da Walt Disney Pictures e Lin Pictures, vedrà il regista Guy Ritchie (Lock & Stock, Snatch, RocknRolla, King Arthur:Il poter della spada) dirigere basandosi su una sceneggiatura firmata da lui stesso insieme con John August (La fabbrica di cioccolato, La sposa cadavere, Frankenweenie) e Vanessa Taylor (produttrice di Game of Thrones).

Il cast comprende l’egiziano-copto Mena MassoudNaomi ScottWill Smith e il turco-tedesco Marwan Kenzari, rispettivamente nei ruoli di Aladdin, della principessa Jasmine, del Genio della lampada e del perfido Jafar. L’iraniana Nasim Pedrad (Amici, amanti e…) vestirà invece i panni dell’ancella Dalia, e Billy Magnussen (Into the Woods) quelli del principe Anders. Il turco-tedesco Numan Acar (Point Break, The Great Wall) avrà il ruolo di Hakim, capo delle guardie di Agrabah e braccio destro di Jafar, e l’iraniano Navid Negahban (24, Lost, American Sniper) quello di sultano della città. Si dedicherà alla colonna sonora il compositore Alan Menken, già autore di quella del film d’animazione, la quale gli valse anche due Golden Globe e due premi Oscar, per la miglior colonna sonora e per la miglior canzone originale (A Whole New World).

Aladdin verrà distribuito nelle sale americane a partire dal 24 maggio 2019.

 

Fonte: EW

Altri articoli in Cinema

Justice League: poster inquietante nei cinema cinesi

Annamaria Rizzo21 novembre 2017

Star Wars: Gli ultimi Jedi – Nuovi dettagli sulle “volpi di cristallo”

Giorgio Paolo Campi21 novembre 2017
Molestie a Hollywood, Kevin Spacey

Molestie a Hollywood: Kevin Spacey è entrato in rehab ma altri big sono sotto accusa

Nicoletta Salvi21 novembre 2017

Marvel vs. DC: parla il co-sceneggiatore di Doctor Strange

Alessio Lonigro21 novembre 2017

Coco: il nuovo film d’animazione firmato Disney Pixar

Annamaria Rizzo20 novembre 2017

Solo: A Star Wars Story, gli ex-registi parlano del loro licenziamento

Luca Paura20 novembre 2017