Activision modifica una scena di Call of Duty WWII per evitare censurato in Australia

News

Activision e Sledgehammer Games hanno dovuto modificare una scena del gioco Call of Duty WWII prima dell’uscita in Australia.

La Classification Board australiana, infatti, indicava la versione originale del gioco come contenente “riferimenti ad una violenza sessuale giustificata dal contesto”, malgrado la scena incriminata non fosse mostrata chiaramente. Per questa ragione il gioco è stato censurato. Di seguito vi illustreremo la scena incriminata, quindi se volete evitare spoiler vi sconsigliamo di proseguire  nella lettura. Questa scena tuttavia non è sostanzialmente rilevante ai fini della trama.

La scena mostra una donna che indossa un top e una gonna. A un certo punto un soldato si avvicina a lei, e si può ascoltare chiaramente il rumore di una cerniera lampo che si apre, quindi si sente una frase urlata dalla donna, probabilmente qualcosa di simile a “Non ti avvicinare” o “Stai lontano da me. A quel punto la porta si chiude, e non si può vedere più nulla, ma le intenzioni del soldato erano chiare e ovvie.

Activision ha dunque modificato la scena, inserendo un pantalone al posto della gonna e rimuovendo il suono della zip, e ha inoltre sottoposto nuovamente il gioco al controllo dell’ente di classificazione, che l’ha finalmente ritenuto idoneo. Al momento non si sa se questa modifica sia rivolta solo al territorio australiano o se arriverà anche da noi.

Ricordiamo che Call of Duty WWII è in uscita il 4 novembre su PlayStation 4, PC e Xbox One. Su quest’ultima piattaforma inoltre è già disponibile il preload di 45 GB.

Fonte: Everyeye.it

Altri articoli in News

Need for Speed Payback, anche Ghost Games decide di migliorare il sistema di progressione

Chiara Parisi18 novembre 2017

Endless Space 2 per il Weekend Gratis di Steam

Federico Peres18 novembre 2017

L’ottava edizione dei G2A Deal è Online con cinque titoli a prezzo stracciato

Chiara Parisi17 novembre 2017

Star Wars Battlefront II, Dice rimuove temporaneamente le microtransazioni

Chiara Parisi17 novembre 2017

Ubisoft aprirà un nuovo studio a Berlino che lavorerà a Far Cry

Federico Peres17 novembre 2017

Rainbow Six Siege, annunciato con un trailer un nuovo operatore.

Chiara Parisi17 novembre 2017