7 Wonders: Duel – Recensione

BDQ: Boardgames di Qualità
Stefano Zappa
Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

7 Wonders: Duel è lo spin-off per 2 giocatori del gioco 7 Wonders, creato da Antoine Bauza e Bruno Cathala. È stato pubblicato nel 2015 in Italia grazie ad Asterion Press.

Nel gioco saremo al comando di una grande civiltà del passato che dovrà superare 3 epoche e costruire Meraviglie per ottenere il massimo prestigio civile, scientifico o militare.

  • Giocatori: 2
  • Durata: 30
  • Età consigliata: dai 10 anni in su
  • Prezzo: 24,90€ ma facilmente reperibile con sconti su diversi negozi online

COMPONENTI

La scatola è compatta e di dimensioni accettabili per un gioco da 2 giocatori. All’interno si trovano 3 mazzetti di carte di piccolo formato, uno per ogni epoca e rappresentanti varie tipologie di edifici. Ci sono poi 12 carte grandi con raffigurate altrettante Meraviglie. Un piccolo tabellone rettangolare mostra le 2 capitali e serve a tenere traccia degli avanzamenti militari. Completano le componenti alcuni segnalini e una serie di monete di cartone.

 

IL GIOCO IN BREVE

Come per tutti i giochi editi in italiano da Asterion Press, vi rimando al loro sito dove si possono scaricare gratuitamente le regole.

Ad inizio partita i giocatori scelgono le Meraviglie che proveranno a costruire. Poi le carte della prima epoca vengono disposte seguendo uno schema indicato dal regolamento, con alcune carte coperte ed altre scoperte. Quando le carte della prima epoca finiscono si procederà con quelle della seconda e della terza, con schemi diversi. Durante il proprio turno i giocatori possono effettuare solo un’azione tra le seguenti:

  • Prendere una carta dallo schema che sia scoperta e costruirla pagandone il costo (in monete o risorse)
  • Prendere una carta dallo schema che sia scoperta e scartarla per costruire una Meraviglia (in aggiunta al suo costo)
  • Prendere una carta dallo schema che sia scoperta e scartarla per ottenere monete

Gli edifici presenti sulle carte hanno delle caratteristiche diverse in base al loro colore. Possono fornire materie prime o prodotti artigianali per acquistare altri edifici, concedono punti vittoria, forniscono monete o bonus commerciali, fanno avanzare il proprio esercito verso la capitale nemica o permettono di avere simboli scientifici da abbinare per ottenere bonus.

Le condizioni di vittoria sono 3:

  • Vittoria civile: contando i punti vittoria al termine delle 3 epoche.
  • Vittoria scientifica: raccogliendo 6 simboli scientifici diversi.
  • Vittoria militare: raggiungendo la capitale nemica col proprio esercito.

COMMENTI

7 Wonders: Duel è un must-have tra i giochi per 2 giocatori. Le partite scorrono veloci, permettendo rivincite a ripetizione. Le illustrazioni sulle carte sono ottime e aiutano nell’immedesimazione. Il fattore più positivo è la possibilità di raggiungere la vittoria in 3 modi diversi; in questo modo si possono perseguire strategie differenti e bisogna essere pronti a capire le vere intenzioni dell’avversario per poterlo contrastare al meglio. Un fattore da non sottovalutare è inoltre la comodità della scatola, con le componenti che si ripongono senza difficoltà e con le carte che hanno i loro spazi anche se imbustate.

ESPANSIONI

A fine 2016 è in uscita l’espansione Pantheon che aggiungerà la possibilità di fare sacrifici agli dei dell’antichità e ottenere il loro favore per la propria civiltà.

Altri articoli in BDQ: Boardgames di Qualità

Jamaica – Recensione

Stefano Zappa15 novembre 2016

Dungeons and Dragons: il gioco di ruolo entra nella Toy Hall of Fame

Angelo Tartarella13 novembre 2016

Star Wars: X-Wing – Recensione

Stefano Zappa8 novembre 2016

Jungle Speed – Recensione

Stefano Zappa1 novembre 2016

Cosmic Encounter – Recensione

Stefano Zappa25 ottobre 2016

Il Trono Di Spade – Recensione

Stefano Zappa18 ottobre 2016